1938 La Storia

In occasione del Giorno della Memoria e dell’80esimo anniversario della promulgazione delle Leggi Razziali in Italia, il Museo Ebraico di Bologna ospita nei suoi spazi espostivi la mostra “1938 LA STORIA”, realizzata dalla Fondazione Museo della Shoah di Roma e curata da Marcello Pezzetti e Sara Berger. La mostra, con forte valenza didattica e divulgativa, permette di focalizzare uno dei periodi più bui della storia d’Italia (1938-1943), quello in cui il governo ha violentemente calpestato i diritti di una parte dei suoi cittadini.
Tutte le persone di origine ebraica, considerate inferiori dal punto di vista “biologico”, vennero infatti escluse da ogni ambito della società nazionale.
Il percorso espositivo racconta la tragica storia della legislazione antiebraica fascista, dalla sua preparazione attraverso una biennale campagna propagandistica all’ideazione e realizzazione della schedatura della popolazione ebraica presente sul territorio nazionale attraverso un censimento su basi razziste; dai primi decreti legge antiebraici “per la difesa della razza”, che colpirono il mondo della scuola, delle università e gli ebrei stranieri, all’emanazione, il 17 novembre 1938, del corpus più consistente dei provvedimenti normativi controfirmati da Vittorio Emanuele III.
Grande spazio è riservato all’applicazione delle leggi nei settori del lavoro, dell’istruzione e della cultura, così come all’internamento e al lavoro coatto. Viene presa in considerazione anche la reazione a tutto ciò, sia da parte delle vittime, gli ebrei, sia dell’opinione pubblica non ebraica. Il percorso si conclude con le  tragiche conseguenze prodotte dalla legislazione antiebraica nel periodo tra il 1943 e il 1945.
Gli eventi sono ricordati attraverso fotografie, manifesti, documenti, giornali, filmati, in gran parte inediti e originali, relativi all’intera realtà nazionale, provenienti da numerosi archivi e collezioni private e dall’Archivio e Biblioteca del Museo Ebraico di Bologna.

 

Ricerca eventi

Cosa
Quando