Torna alla ricerca

“All’armi siam fascisti!”

Lunedì 17 febbraio 2020 ritorna l’appuntamento con “Storie di Ravenna”, il racconto della storia della città che utilizza i tempi e i linguaggi del teatro, facendo dialogare un attore (Luigi Dadina), uno studioso d’arte (Giovanni Gardini) e uno storico (Alessandro Luparini).
Alle 18, nel Teatro Rasi, si parlerà della marcia su Ravenna del settembre 1921, quando, nel pieno delle celebrazioni dantesche, la città venne invasa da migliaia di fascisti al comando di Italo Balbo e Dino Grandi, quasi una prova generale della marcia su Roma dell’anno dopo. Un episodio che segna l’inizio dell’affermazione fascista a Ravenna, fino a quel momento rimasta ai margini del fenomeno squadrista, proseguita nei mesi successivi in una escalation di violenze, fino alla “conquista” armata dell’estate 1922 culminata nella distruzione e nel rogo del palazzo della Federazione provinciale delle cooperative.
L’appuntamento sarà seguito da un momento conviviale enogastronomico grazie alla collaborazione con ChefToChef/RavennaFood. Ingresso unico: 3 euro. Menù degustazione: 7 euro.

Cosa
Quando