Torna alla ricerca

Il Canone - Luca Vitone

“Entrare nell’archivio del CSAC è come immergersi in un mare tropicale, di quelli noti per lo snorkeling. Impossibile non rimanerne affascinati, anche se non si riconoscono i pesci e si è frastornati dai colori, dalle forme e soprattutto dalla quantità di animali da osservare…” (L. Vitone)

Dal 6 settembre al 18 ottobre il Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma presenta il secondo appuntamento di “Through time: integrità e trasformazione dell’opera”, un programma di mostre e residenze d’artista realizzato in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21. Il protagonista dell’evento è Luca Vitone, artista genovese che da sempre lavora sull’idea di luogo, produzione culturale e memoria. Nell’ambito di Through time Vitone propone l’esito espositivo della sua residenza presso lo CSAC nel 2017, ovvero il suo modo di confrontarsi con l’immenso patrimonio conservato all’interno dell’Abbazia di Valserena (oltre 12 milioni di pezzi, suddivisi in cinque sezioni: Arte, Fotografia, Media, Progetto e Spettacolo).

“Il Canone” è un omaggio al concetto stesso di archivio, a partire dal furgone – in passato utilizzato dal Centro parmense per il trasporto di opere e progetti – che da mezzo di trasporto diventa metafora e viene allestito nell’imponente navata centrale della Chiesa abbaziale, seguito da una lunga “parata” di lavori e progetti (che rappresentano la ricerca artistico-culturale italiana del Novecento) selezionati da Vitone negli archivi CSAC con un criterio del tutto personale. Il furgone rimanda concettualmente all’opera “Das Rudel” di Joseph Beuys, in cui 24 slitte in legno fuoriescono da un vecchio furgoncino Volkswagen: come per Beuys, anche per Vitone le 24 opere e oggetti che il furgone dell’Università di Parma lascia dietro di sé sono collegate a episodi autobiografici dell’artista, oppure ad autori che hanno profondamente segnato la sua crescita artistica, riscoperti all’interno degli archivi CSAC.

Nell’abside della Chiesa sarà infine allestito il monocromo intitolato Stanze (CSAC, Parma) eseguito dallo stesso Vitone con le polveri dello CSAC in occasione della sua residenza nel 2017 e successivamente donato al Centro.

Cosa
Quando