Torna alla ricerca

Rapimento

Guidati da Federico Bellini, drammaturgo che dal 2002 lavora con Antonio Latella, i due Dramaturg Carlotta Pansa e Jacopo Giacomoni hanno ideato un’installazione senza attori in grado di portare sul palcoscenico il binomio teatro-tecnologia. I due Dramaturg parlano attraverso la voice technology: le chiamate, i corsi e le riunioni su Zoom, lo smartphone, i social network, le chat istantanee… La tecnologia ha modificato e accelerato la nostra percezione del tempo e della durata, allontanandoci da quello più lento e rituale della scena. La domanda al centro della drammaturgia è: perché dovrebbe mancarci il teatro? Per rispondere, Pansa e Giacomoni hanno “costretto” la loro scrittura all’interno dei 250 caratteri, quelli disponibili nella funzionalità Routine di Alexa.

Lo spettacolo-installazione Rapimento è parte di “Mediatori del Reale”, progetto italiano di residenze, per cui ERT Fondazione ha vinto il bando promosso da Ministero della Cultura e Siae con il programma “Per chi crea”, che propone di valorizzare, attraverso la pratica della residenza, il lavoro del dramaturg, professionalità chiave per lo sviluppo del settore dello spettacolo dal vivo.

Cosa
Quando